SUPERHEROES

LE COLONIE

La scoperta della montagna

C’era una volta il mare

ULTIMI LAVORI

Cascina Molinetto

Cosi nel 2011 scrivevano sul Il Cittadino (Dove le bufale sbuffano nella nebbia) del signor Achille, di Angelo, di Anna e di tutti i De Vecchi: “Radici rurali di queste tre cascine a Zelo Buon Persico, vicine come nello spazio di un fazzoletto, e che appartengono tutte all’Ospedale Maggiore di Milano, nessuno ricorda di chi fosse la proprietà originaria. Le tre corti sono la Molina, la Muzzano e la Molinetto”.

Nel nostro piccolo, quache foto della zona della cascina Molinetto.

Muzza in stenopeico

Un semplice forellino piccolo e molto preciso può sostituire l’obiettivo fotografico. In piena era digitale ripercorrere questa strada non è soltanto un fatto di moda o di controtendenza. Imparare o riscoprire i principi base nei quali affondano le radici tutti i fenomeni di trasmissione della luce può essere affascinante quanto misterioso… Quattro passi lungo la Muzza per sperimentare.

I MIEI CORSI PER IL CFP

Fotografia

Diaframma, stop, ISO ti sono oscuri? Il corso di fotografia che fa per te!
Qui le info

Lightroom

Dallo scatto alla camera bianca. Per controllare tutto il tuo processo creativo.
Qui le info

Ritratto

Per smettere di fare selfie e iniziare a scattare ritratti.
Qui le info

Street Photography

Un corso per il fotografo di strada, da HCB alla zeta!
Qui le info.
Dispensa!

ALCUNI PROGETTI

Colonia marina Dalmine

Come si può constatare, transitando sulla litoranea Riccione-Rimini si incontra la Dalmine, una delle più importanti colonie che hanno contrassegnato la storia di Riccione. La Società Dalmine (oggi Tenaris), sorta nei primi anni del Novecento a Milano, era (è) un’industria siderurgica specializzata nella produzione di tubi in acciaio senza saldatura, all’avanguardia a partire dagli anni Trenta, non solo nel settore industriale, ma anche nella promozione di attività socio-assistenziali. In questo ambito, l’azienda ha sempre profuso molte energie, e la realizzazione nel 1936 della colonia marina di Riccione, in posizione amena a pochi passi dal mare, ha sempre rappresentato un vanto, com’è ampiamente descritto negli annali della fabbrica lombarda.

L’edificio, progettato dall’architetto milanese Giovanni Greppi (1884-1960), uno tra i principali professionisti dell’epoca, venne costruito su terreni di proprietà dei riccionesi Picagli Garibaldi e Goldoni Milziade, venduti nel 1935 alla Società Stabilimenti Dalmine. L’inaugurazione avvenne in pompa magna, secondo i classici stilemi del regime fascista e con ampio risalto della stampa dell’epoca, che sottolineò il fatto che alla “nuova imponente colonia toccò l’onore elevatissimo d’essere visitata dal Duce”.

Dotata di una superficie di circa 1500 metri quadrati, era circondata da un’area propria, che comprendeva un tratto di oltre 30.000 metri quadri di spiaggia, poteva ospitare ogni anno, in due turni estivi, sino a 400 bambini dai 6 ai 12 anni, a carico della Pro Dalmine, che si accollava anche le spese del vestiario.

Nel 1940, così come altre colonie, venne provvisoriamente requisita dalle autorità, per essere adibita ad ospedale militare. Al termine del secondo conflitto mondiale, la colonia riprese intensamente la propria attività, tanto che dovette essere ulteriormente ampliata, al fine di poter accogliere un numero crescente di ragazzi. Nel 1953, verrà intestata al conte Franco Ratti di Desio che fu, tra l’altro, commissario straordinario della Società Dalmine nel 1945 e suo presidente fino al 1953.

Successivamente, a partire dagli anni Sessanta, l’avvento del turismo di massa, il boom economico, e la conseguente possibilità di potersi permettere, a proprie spese, un periodo di vacanze in una località prescelta, da parte di un sempre maggior numero di famiglie italiane, unito ad un considerevole calo demografico, porteranno alla chiusura della colonia.

Trasformata in un albergo congressuale, dopo gli interventi eseguiti negli anni Ottanta, che ne hanno in solo in parte conservato l’originario aspetto esteriore è un immenso e abbandonato rudere. Dei tre locali di servizio, la grande “lavanderia” è abbandonata, la “palazzina isolamento” è stata demolita e sostituita da una discoteca anch’essa chiusa, mentre la “palazzina del personale” è stata riconvertita in una struttura medica privata.

Un tentativo di recupero dell’immenso parco che completava la struttura è anch’esso fallito: lo Skate Park è un’area brutta e poco invitante.

Colonia Dalmine, poi Hotel Le Conchiglie
Riccione (RN)
Coordinate 44.02273, 12.63223

Casoretto

L’abbazia di Santa Maria Bianca della Misericordia in Casoretto nella periferia nord orientale di Milano in piazza San Materno.

Sorse nel Quattrocento per volere del nobile Pietro Tanzi, che nella dedica la distinse con l’aggettivo “Bianca” per distinguerla da altre chiese dedicate alla Vergine e sorte nel medesimo periodo: la chiesa di Santa Maria Nera, detta di Loreto, vicino l’odierno piazzale omonimo, e la chiesa di Santa Maria Rossa a Crescenzago. La scelta del bianco pare legata al colore della veste della Vergine nell’affresco che la ritrae all’interno.

Öskemen

Öskemen (kazako, Өскемен) o Ust’-Kamenogorsk (russo, Усть-Каменогорск), è una città del Kazakistan, capoluogo della regione del Kazakistan Orientale. Sorge alla confluenza del fiume Ul’ba nel fiume Irtyš.

Visto che io non ci sono mai stato ma mia moglie è di casa in quei posti lontani… non rimane che fare un lavoro in coppia: lei scatta, io seleziono e post-produco cercando di interpretare al meglio i suoi lunghi e appassionati racconti. Ecco quel che ne è nato: 15 fotografie in 5 tavole.

CONTATTI

Dubbi? Domande? Perplessità?
Contattami.

*
*
*
Il tuo messaggio è stato spedito! Grazie.
Oops, qualcosa è andato storto!! Hai compilato i campi correttamente?.