Austria

Schloss Fischhorn

Schloss Fischhorn è un castello a Bruck sulla Großglocknerstraße a Pinzgau. Si trova su una collina al confine con Zell am See e domina la valle di Salzach e l’Oberpinzgau in direzione ovest. Il castello è di proprietà privata e non è accessibile al pubblico.

Un primo edificio fortificato fu probabilmente costruito intorno al 1200 e il castello apparteneva probabilmente ai signori di Goldegg, un’antica famiglia nobile di Salisburgo di Goldegg a Pongau. Successivamente il castello serviva sia come residenza per i vescovi sia come alloggio della tutela dei possedimenti Pinzgau della diocesi di Chiemsee. Rivolte, saccheggi, incendi, vendite varie, sequestri durante la guerra rendono la storia del Schloss Fischhorn degna di un romanzo. Dal 7 al 9 maggio 1945 Göring visse con Emmy e la figlia Edda nel castello prima di essere trasferito a Kitzbühel.

Delle forme neogotiche che lo rendevano unico, oggi rimane ben poco. Dal 2000 è stato restaurato da un privato e viene utilizzato per eventi culturali e mondani.

Schloss Ritzen

Schloss Ritzen (precedentemente noto come Grub) è uno dei castelli nel comune di Saalfelden nel salisburghese. A partire da un complesso del primo medioevo, la struttura dell’edificio cambiò costantemente nel corso dei secoli, continuamente demolito e ricostruito. Nel 1892 un incendio distrusse gran parte della proprietà e solo quando il castello Ritzen è diventato di proprietà pubblica a metà del XX secolo, è stato possibile prevenirne l’abbandono.

Dal 1968, l’edificio ospita il noto Heimatmuseum di Saalfeldner con una mostra di presepi molto preziosa e ampiamente conosciuta.

Kaprun Castle

La costruzione del castello Kaprun risale quasi certamente al XII secolo. Fu costruito proprio per le ragioni per cui allora si costruivano i castelli: come rifugio, come fortezza, come residenza di famiglie nobili e come status symbol. Fini tra le proprietà dell’Arcivescovo di Salisburgo e nella prima metà del XX secolo era completamente abbandonato.

Per fermarne la decadenza gli imprenditori Kaprun unirono le forze nel 1984 e con determinazione restaurarono il castello: oggi è ancora un palazzo signorile e riporta gli spettatori e i visitatori ai tempi passati.

Schloss Lichtenberg

Schloss Lichtenberg (un tempo Pfleggericht), è un castello arroccato su uno sperone roccioso del Steinernes Meer a circa 60 metri sopra Saalfelden, un comune del salisburghese.

La data esatta della costruzione del castello è sconosciuta ma probabilmente è della prima metà del XIII secolo e per secoli è stato rivendicato dal Vescovo di Chiemsee e dall’Arcivescovo di Salisburgo che alla fine ha avuto la meglio. Nel 1526, il castello fu distrutto dalla rivolta contadina, ma poi fu ricostruito dalla corte di Saalfelden e fu aggiunta anche la possente torre circolare del lato sud-ovest. Negli anni successivi, il quartier generale della guarnigione militare si trasferì in città e il castello cadde in rovina.

Nel 1791 fu emesso un ordine per iniziare senza indugio la ristrutturazione dell’edificio ma non se ne fece niente: era difficile trovare lavoratori senza vertigini e in grado di coprire i tetti!

Acquistato alla fine del XIX secolo dalla nobile famiglia Weiß von Teßbach, che ancora oggi possiede l’intera area, non vengono fornite opportunità di visite turistiche o accesso pubblico. Il castello è in evidente stato di abbandono.

Festung Hohenwerfen

La fortezza di Hohenwerfen è un castello che sorge sulle montagne a 40 km a sud di Salisburgo, in Austria. La fortezza è circondata dalle Alpi di Berchtesgaden e dai monti di Tennen; ed è la “sorella” dell’Hohensalzburg dominante proprio la città di Salisburgo ed entrambe risalgono all’XI secolo.

La fortezza venne costruita tra il 1075 ed il 1078 durante il periodo della lotta per le investiture, per ordine del principe-arcivescovo di Salisburgo, come un punto di controllo strategico posto su un promontorio naturale di 155 m sulla valle del Salzach.

Attualmente il castello è un museo aperto al pubblico.

Schloss Goldegg

Schloss Goldegg si trova su un promontorio sulla sponda settentrionale del lago Goldegg nel comune omonimo del Pongau nel Salisburghese.

La costruzione del castello attuale iniziò nel 1323 e serviva da fortificazione per la protezione della strada di collegamento tra Pongau e Pinzgau. Tantissimi e diversissimi gli usi nel corso dei secoli.

Wien

Nella Vienna “fin de siecle”, l’Imperatore Francesco Giuseppe operò una rivoluzione urbanistica, demolendo le mura già in parte distrutte da Napoleone ed edificando al loro posto la monumentale Ringstraße, il viale che circonda la città ad anello e ancora oggi arteria principale della città.

Schloss Schönbrunn

Il palazzo di Schönbrunn (Schloss Schönbrunn in tedesco), famosa reggia imperiale di Vienna, è stata la sede della casa imperiale d’Asburgo dal 1730 al 1918. Una volta si trovava in campagna, ma ormai è stato inglobato dalla città. Oltre alla bellezza dei luoghi, il complesso del palazzo è noto per ospitare il Tiergarten Schönbrunn, uno degli zoo più antichi al mondo.

KZ Mauthausen

Il campo di concentramento di Mauthausen (Mauthausen-Gusen dall’estate del 1940) era un lager nazista, una fortezza in pietra eretta nel 1938 in cima a una collina sovrastante la piccola cittadina austriaca.

Considerato impropriamente come semplice campo di lavoro, fu di fatto, fra tutti i campi nazisti, «il solo campo di concentramento classificato di “classe 3” (campo di punizione e di annientamento attraverso il lavoro)». Vi si attuò lo sterminio soprattutto attraverso il lavoro forzato nella vicina cava di granito, e la consunzione per denutrizione e stenti, pur essendo presenti anche alcune camere a gas.

Nel lager nazista di Mauthausen dall’8 agosto 1938 al 5 maggio 1945, e nei suoi sottocampi, 130’666 prigionieri vennero orribilmente assassinati dai carnefici nazisti, 5’750 erano italiani. Solo 40 mila vittime vennero identificate.

Il sito del memoriale di Mauthausen.

Schloss Moosham

Schloss Moosham (Unterberg, Lungau, Salisburghese, Austria) fu documentato per la prima volta in un atto del 1191. Fu sequestrato dal principe-arcivescovo di Salisburgo intorno al 1285 e dal XIV secolo in poi fu la residenza di un burgravio episcopale. Nel 1520 divenne sede amministrativa della regione del Lungau e fu il centro amministrativo durante la caccia alle streghe tra il 1675 e il 1690. il principe-arcivescovo di Salisburgo sciolse il baliaggio di Moosham nel 1790, dopodiché il castello decadde. Oggi è una resistenza privata.

Burg Mauterndorf

Burg Mautendorf (Muttendorf, Lungau, Salisburghese, Austria) fu probabilmente costruito sul sito di un vecchio forte romano che proteggeva la strada romana da Teurnia (in Carinzia vicino Spittal an der Drau) a Iuvavum (l’odierna Salisburgo). Il forte originale fu distrutto durante le invasioni barbariche.

Il castello è stato finanziato e supportato da un sistema di raccolta dei pedaggi (maut) per la strada vicina fin dall’XI secolo. Nel XIII secolo fu eretta la fortezza tenuta dal principe-arcivescovo di Salisburgo. Il sistema di pedaggio sulla strada del Radtsädter Tauern Pass sostenne il castello e il villaggio fino al 1803, quando la collezione di pedaggi fu abbandonata durante le guerre napoleoniche. Oggi è sede di un museo.

Burg Finstergrun

Burg Finstergrun (Ramingstein, Lungau, Salisburghese, Austria) oggi è costituito da due castelli. Il vecchio castello è conservato solo come una rovina. La sua origine si crede nel XII secolo e fu costruito come fortezza collinare e fortificazione di confine in un punto strategicamente importante. Attaccato al vecchio castello c’è il nuovo, che fu completato nei primi anni del 900. Tuttavia, assomiglia molto ad un castello storico, poiché è stato costruito nello stile del XIII secolo ed entrambe le parti si uniscono per formare un insieme armonioso. Oggi è sede di un ostello.

StEgid

La piccola cappella di St. Egid nei pressi di Sankt Michael mi Lunga è facilmente raggiungibile. Una piccola nota sull’albero (con panchina) dell’ultima fotografia: questo raro acero di monte gigante (20 metri di altezza, 4 metri di circonferenza) di oltre 100 anni è un monumento naturale nazionale austriaco. Ai suoi piedi il Salzburger Berg e il Nature Watch Lunga hanno “nascosto” un Geocache.

Un progetto CHIPS.

Pöllatal

La riserva paesaggistica Pöllatal presso Rennweg am Katschberg è l’ideale per una facile escursione lungo la strada o i sentieri che la contornano.

St. Leonhard

La chiesa gotica di San Leonardo a Tamsweg già nel Medioevo faceva parte delle chiese più visitate del territorio nazionale austriaco. Quando a luglio del 1478, i primi turchi raggiunsero il Lungau, la chiesa di San Leonardo fu protetta con una fortificazione. La chiesa è tappa del Leonhardsweg (Cammino di San Leonardo) che collega Salisburgo a Gurk.

Un progetto CHIPS.

Pöllatal e Lungau

Due valli tra Carinzia e Salisburghese divise (e collegate) dal Katschberg nell’Austria meridionale.

Großglockner Hochalpenstraße

47 km, 36 tornanti e 2.504 metri di dislivello. Già utilizzata in epoca antica la strada attuale è stata costruita negli anni trenta per soli scopi… turistici.

Tra Salisburgo e la Carinzia

Un progetto CHIPS ante-litteram: questa raccolta era stata pensata nel 2013 per essere fatto tutta con un iPhone fin da subito. Il salisburghese vale un viaggio fotografico.